Fondo Comit: Il Progetto di Erogazione del 2015

Il Tribunale di Milano, con Decreto del 19 ottobre 2015, ha respinto il ricorso dell' Anpec in cui si chiedeva di bloccare questo Progetto di Erogazione (clicca qui).
Queste sono le tappe della vicenza.
Il Presidente del Tribunale Fall.re di Milano ha autorizzato con proprio Decreto del 30 maggio 2015 la distribuzione di ulteriori acconti.
Il Progetto di erogazione degli acconti non costituisce un Piano di Riparto generale, ma solo una erogazione che secondo i Liquidatori mira a colmare lo svantaggio dei Pensionati ante '98, per allinearli agli altri iscritti al Fondo (Attivi e Pensionati '98/99).
Per vedere i criteri di distribuzione clicca qui.

Gli acconti andranno solo ai Pensionati ante '98, e nulla andrà agli ATTIVI, e neppure ai Pensionati 98/99.

Per esaminare l' importo del residuo complessivo dopo l' erogazione 2015, clicca qui sull' apposita pagina

Noi non tuteliamo la categoria dei Pensionati ante '98, ma portiamo avanti gli interessi di pensionati appartenenti ad altre categorie (esodati, zainettati, anticipati, ceduti e Pensionati '98/99).

I diritti dei nostri assistiti non vengono affatto lesi da questo progetto di erogazione, poichè i Liquidatori per legge debbono accantonare gli importi richiesti nelle opposizioni (ma solo quelli degli opponenti, e non gli importi di chi ha fatto scadere le opposizioni).

Quindi i Liquidatori hanno accantonato la cifra massima di circa 80 milioni di Euro per fronteggiare ogni rischio potenziale delle 1400 opposizioni (fra cui vi sono anche quelle di coloro che potrebbero essere dichiarati prescritti dal Tribunale).
Queste somme rimarranno congelate fino alla sentenza della Cassazione (5/6 anni), a meno che non si raggiunga prima una transazione con i Liquidatori, autorizzata dal Tribunale.
In questo modo gli opponenti percepirebbero finalmente le somme che hanno ritenuto giuste. Per noi sono giuste quelle derivanti dell' Accordo firmato da Masia per l' Anpec nei confronti dell' UNP: vedi l' apposita pagina sull' Accordo UNP / Anpec.
Inoltre gli altri iscritti al Fondo (fra cui gli attivi), che aspettano da anni le loro somme, potranno finalmente veder svincolate le somme da ripartire ed ottenere quanto loro spettante.
La transazione quindi conviene a tutti coloro che aspettano ancora i loro soldi.

Il nostro Collegio Difensivo è attivamente impegnato per portare avanti una proposta transattiva che soddisfi tutte le parti in causa.
Questa proposta transattiva ha ottenuto importanti adesioni, fra cui quella del maggior Sindacato Nazionale dei Bancari, ovvero la FABI NAZIONALE, il cui comunicato ufficiale del 12 giugno 2015 è consultabile qui.
Noi confidiamo che alla fine il buon senso prevalga, e si possa trovare finalmente una soluzione che soddisfi al più presto tutte le parti in causa.

Sul nostro Sito pubblichiamo tutti i documenti del Progetto di Erogazione, ai link sopra indicati.

Per ovvi motivi di riservatezza, i nominativi dei singoli beneficiare e gli importi individuali da erogare sono pubblicati sull' area riservata del nostro Sito, protetta da password riservata ai soli nostri assistiti.